Learn to Learn for Adult Returners – L2L4AR


🙂 “Imparare ad imparare” è stato il tema del progetto  “Learn to Learn for Adult Returners – L2L4AR” LLP Grundtvig Partenariati d’apprendimento n° 2013‐1‐LT1‐GRU06‐09094‐4, a cui ha partecipato ARACNE e Lietuvos Suaugusiųjų Švietimo Asociacija, Capofila, Lituania; Stephansstift Zentrum fuer Erwachsenenbildung, Germania; Eesti Vabaharidusliit, Estonia;EPRALIMA_Escola Profissional do Alto Lima, C.I.P.R.L., Portogallo; Stichting Participatie in Diversiteit – PiD, Olanda; Stiftelsen Litorina folkhögskola i Karlskrona, Svezia.
Durante il progetto L2L4AR sono state studiate e sperimentate buone pratiche con il coinvolgimento attivo di docenti e allievi adulti. I laboratori di apprendimento sono stati incentrati sui seguenti temi:

  1. Il comprendere l’importanza della competenza L2L;
  2. La motivazione e lafiducia in se stessi
  3. La gestione del tempo
  4. L’organizzazione delle informazioni
  5. Il lavoro di squadra
  6. La riflessione sulla propria esperienza di apprendimento.

ARACNE ha coinvolto nella sperimentazione due realtà molto difficili dell’educazione degli adulti quella rivolta alle detenute del carcere di Pozzuoli (NA), e gestita dalla SMS “Giacinto Diano” di Pozzuoli; e quella dei migranti che seguono il corso di Italiano organizzato dal’Associazione Macchia di colori da anni.

I risultati finali del progetto sono disponibili: https://www.facebook.com/pages/Learn-to-Learn-for-Adult-Returners/218569714969594

LocalVET


Defining the Vocational Training Activities of Local Authorities for Rural Tourism within the scope of EQF (LocalVet)

n° 2013-1-TR1-LEO04-47840 2 – Leonardo da Vinci Partnership

Capofila: Taşköprü Belediyesi

La Partnership (Turchia, Bulgaria, Repubblca Ceca, Italia) di LocalVET progetto ha sviluppato un modello di orientamento e formazione professionale per le autorità locali su come includere le aree rurali più attivamente così da promuovere il turismo rurale per uno sviluppo socioeconomico sostenibile nei paesi partner .

Progetto “Ragazzi in gioco”: un prototipo contro la dispersione scolastica basato sull’orientamento


Il Progetto pilota PON Azione F3 “Ragazzi in gioco”, che si è concluso a dicembre 2014, ha inteso contribuire a rendere la scuola capace di curare la relazione educativa insieme all’apprendimento, di innovare metodologie e azione didattica con un reale impatto sul curricolare e sul sistema, di assicurare, consolidare e valorizzare l’apprendimento in tutti i contesti, formali, informali e non formali.

Il Progetto è stato realizzato da una rete estesa composta da tre scuole e cinque associazioni (ISIS “ Pagano – Bernini”, IPSAR “G. Rossini”, I.S. 53° Gigante -Neghelli, ARACNE, ARES, MUS-E Napoli, IGS Campania, Istituto Europeo Pegaso); ha coinvolto un numero molto rilevante di operatori (56 tra esperti e tutor, oltre al personale di segreteria); ha gestito, in poco più di un anno, un insieme di azioni differenziate e complementari rivolte agli studenti, alle loro famiglie, ai docenti, per un totale di 1000 ore di intervento distribuite in 10 percorsi e 26 moduli.

Un progetto complesso, ambizioso e impegnativo, finalizzato alla creazione di un “Prototipo” per il contrasto alla dispersione e all’insuccesso formativo, da condividere con gli attori del sistema territoriale scolastico e, più in generale, dei servizi per l’inclusione sociale per una riflessione condivisa sulla strategia adottata.

Il Prototipo sperimentato dalla nostra rete ha puntato su metodologie attive e ludico-didattiche e, soprattutto, sull’orientamento: sia come azione trasversale, realizzata nell’ambito di ogni percorso attraverso i moduli di Accoglienza; sia prevedendo tre percorsi specifici di accompagnamento degli alunni-target nelle difficili fasi di transizione scuola-scuola e scuola-lavoro. Nelle azioni di orientamento sono state coinvolte anche le famiglie, ed una formazione specifica sull’orientamento è stata rivolta a tutti i docenti coinvolti come operatori o come tutor nei moduli di Accoglienza. In tali moduli infatti gli operatori hanno dovuto svolgere un ruolo fondamentale e impegnativo, aiutando gli allievi a compilare il proprio Portfolio delle competenze, a registrare le esperienze fatte, le competenze acquisite ed i risultati conseguiti, e a prendere coscienza e valutare in modo sincero il proprio processo di apprendimento.

Data la centralità assunta dalle azioni di orientamento nel Prototipo contro la dispersione scolastica proposto dalla nostra Rete, abbiamo voluto intitolare l’evento finale del progetto, tenutosi il 18 dicembre 2014 presso il teatro Il Piccolo di Napoli, “Orientare per non disperdere”, richiamando il claim della V Conferenza internazionale sulle politiche per l’orientamento permanente, tenutasi a Roma dal 20 al 22 ottobre 2014. Durante tale Conferenza è stata ribadita la necessità di fare rete tra sistemi dell’istruzione, del welfare e del lavoro per combattere esclusione, dispersione e disoccupazione. E’ con questo stesso spirito che intendiamo condividere il Prototipo da noi sperimentato con tutti gli attori del settore: contribuire, a partire dai risultati, dai successi e dalle criticità della nostra specifica esperienza, al confronto su come procedere insieme, in futuro, in questa direzione.

Potete trovare la presentazione on line del Prototipo “Ragazzi in gioco”, realizzata da Roberta Moscarelli, Maria Rosaria Franciosi e Bruno Cirino, qui .

Qui, invece, una scheda_informativa_progetto

Il contributo di LLP – Leonardo da Vinci per le Competenze chiave di cittadinanza


E’ stata recentemente pubblicata una ricerca a cura dell’ISFOL sul valore aggiunto apportato allo sviluppo delle Competenze chiave di cittadinanza e all’innovazione delle strategie per l’apprendimento permanente, in Italia, dai progetti LLP Leonardo da Vinci realizzati nell’ambito della precedente programmazione 2007-2013.

Anche noi di ARACNE siamo state coinvolte tramite un’intervista a proposito di uno dei nostri progetti:  CA-ME – European Network of Education in Cultural Awareness for Ethnic Minority and Migrant Elders, realizzato tra il 2010 e il 2012.  Abbiamo quindi avuto l’opportunità di contribuire con il nostro punto di vista sull’argomento a questa interessante indagine, che potete trovare qui.

Una breve scheda (molto lusinghiera, fatecelo dire!) del progetto CA-ME si trova a pagina 247 del rapporto di ricerca ISFOL. Buona lettura!

Cara Europa


I dati del Censis rivelano come l’Italia non riesca a recuperare pienamente i contributi versati all’Europa. Ecco perché è sempre più importante imparare ad accedere ai finanziamenti stanziati dalla UE.

Siamo il terzo contribuente netto dell’Ue, pur essendo al 12° posto per Pil pro-capite: nel 2012 versati 16,4 miliardi di euro e ricevuti indietro 10,7 miliardi, con un saldo negativo di 5,7 miliardi. Restiamo un mercato molto appetibile e diamo un forte contributo alla competitività europea

Continua a leggere http://www.censis.it/7?shadow_comunicato_stampa=120951

Regione Campania a sostegno delle Start-Up


Sul BURC del 14 aprile 2014 è stato pubblicato il Bando per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo rotativo per lo sviluppo delle PMI Campane.
Il Bando intende favorire la nascita di nuove imprese sul territorio campano, formate in prevalenza da giovani under 35 e donne, mediante la concessione di finanziamenti a tasso agevolato da restituire in 7 anni con un periodo di differimento di 24 mesi.

Continua a leggere http://www.sviluppocampania.it/news/view/348/bando-start-up-30-milioni-di-euro-per-lo-start-up-di-impresa

ARACNE porta i temi della competenza chiave L2L e dello SROI al Congresso AIV 2014


Gli eventi organizzati dallAssociazione Italiana di Valutazione sono sempre occasioni interessanti di confronto, dibattito e approfondimento tra diversi approcci, professionalità, discipline, campi e contesti di intervento, accomunati dalla consapevolezza dell’importanza della valutazione come cultura e come pratica.

Quest’anno il tema del Congresso AIV,  che si è tenuto presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Napoli “Federico II”  il 10 e 11 aprile 2014, è stato “Per una cultura della valutazione: competenze professionali, pratiche democratiche e trasformazioni federaliste in Italia e in Europa“.  

Roberta Moscarelli e Maria Fernanda Spina di ARACNE hanno contribuito con due paper di ricerca, intitolati rispettivamente: “La competenza-chiave “imparare ad imparare” tra valutazione per l’apprendimento e orientamento: una sda per la scuola del futuro” e “Metodi e tecniche di valutazione dell’innovazione sociale: disamina di alcuni vantaggi e criticità del Social Return on Investment”. 

Qui potete scaricare il programma dettagliato del Congresso, e gli abstract dei paper discussi.

 

Non è mai troppo tardi per imparare ad imparare! Il progetto Learn to Learn for Adult Returners


Saper “insegnare ad imparare”, da parte dei docenti, può fare la differenza nel contrasto alla dispersione scolastica, nella riduzione dei NEET (not in employment, education or training tra i 20 e i 24 anni), e nel facilitare il ritorno degli adulti all’istruzione e alla formazione. 

Lo sviluppo della competenza-chiave “imparare ad imparare” è il tema del progetto LLP Grundtvig Partenariati d’apprendimento “Learn to Learn for Adult Returners – L2L4AR” n° 2013‐1‐LT1‐GRU06‐09094‐4, che coinvolge ARACNE e altre 6 organizzazioni europee attive nel campo dell’educazione degli adulti (Lietuvos Suaugusiųjų Švietimo Asociacija, Capofila, Lituania; Stephansstift Zentrum fuer Erwachsenenbildung, Germania; Eesti Vabaharidusliit, Estonia; EPRALIMA_Escola Profissional do Alto Lima, C.I.P.R.L., Portogallo; Stichting Participatie in Diversiteit – PiD, Olanda; Stiftelsen Litorina folkhögskola i Karlskrona, Svezia).
L2L4AR intende affrontare questa problematica provando a sperimentare metodologie e pratiche con il coinvolgimento attivo di docenti e allievi adulti, che parteciperanno sia ai meeting transnazionali sia alla gestione dei laboratori a livello locale.
Per la realizzazione dell’esperienza-pilota in Italia ARACNE ha individuato il complesso campo dell’educazione degli adulti rivolta alle detenute del carcere di Pozzuoli (NA), e gestita dalla SMS “Giacinto Diano” di Pozzuoli.

Il progetto nel complesso intende:
1) Comparare i processi di integrazione della competenza L2L nell’educazione degli adulti nei paesi coinvolti, a livello delle politiche, delle pratiche didattiche dei docenti e della consapevolezza dei discenti adulti;
2) Accrescere la consapevolezza dell’importanza della competenza chiave L2L a tutti i livelli (politico-istituzionale, didattico-valutativo da parte dei docenti e auto-valutativo / auto-orientativo da parte dei discenti);
3) Selezionare, implementare e sperimentare strumenti per la valutazione e l’autovalutazione di / per L2L;
4) Potenziare le competenze L2L di tutti i partecipanti al progetto, attraverso la realizzazione di laboratori per l’insegnamento / apprendimento di L2L;
5) Realizzare, sulla base dei risultati, un compendio condiviso tra i partner per la valutazione e l’insegnamento della competenza L2L.

Per ulteriori info: https://www.facebook.com/pages/Learn-to-Learn-for-Adult-Returners/218569714969594

Orientamento a scuola: come e perché. L’esperienza di ARACNE


ARACNE è attualmente partner dell’ISIS “Pagano-Bernini” di Napoli in due progetti in cui è centrale l’orientamento come elemento qualificante dell’offerta formativa della scuola:

• Il Servizio di Placement Scolastico dell’ISIS “Pagano-Bernini”, nell’ambito del PROGRAMMA FIxO Scuola&Università, gestito da Italia Lavoro e finalizzato alla realizzazione e qualificazione di servizi di intermediazione nella Regione Campania. ARACNE collabora alle attività di orientamento e placement personalizzate rivolte a diplomandi. Le esperte di ARACNE stanno tra l’altro sperimentando, con i 150 ragazzi coinvolti, lo strumento innovativo web-based per l’autovalutazione, la motivazione e il placement, realizzato durante il progetto transnazionale LLP Leonardo da Vinci TOI “Motivation and Job OpportunitiesSupport Services (MOJO)”

“Ragazzi in gioco” – PON Azione F3 “Realizzazione di prototipi di azioni educative in aree di grave esclusione sociale e culturale, anche attraverso la valorizzazione delle reti esistenti”, in cui ARACNE partecipa al Gruppo di direzione e coordinamento; realizza tre percorsi di orientamento, rivolti rispettivamente ad alunni di terza media e genitori, alunni delle prime superiori e genitori, e alunni delle quinte superiori; realizza un modulo di formazione docenti sul tema dell’orientamento come strumento di lotta alla dispersione.

Se siete interessati ad approfondire queste tematiche qui trovate:

Per saperne di più sulle attività realizzate da ARACNE nel campo dell’orientamento, leggete qui.

Fermiamo le stragi nel Mediterraneo! Appello per l’apertura di un canale umanitario fino all’Europa per il diritto d’asilo europeo.


ARACNE Aps aderisce all’appello promosso da MeltingPot per l’apertura di un canale umanitario fino all’Europa per il diritto d’asilo europeo.
Sappiamo che le petizioni non possono bastare, ma oggi è importante ogni piccolo segnale che possa far capire che non è questa l’Europa che vogliamo. Per questo invitiamo tutti a firmare: qui il link con il testo della petizione, nelle versioni in italiano e in inglese.
http://www.meltingpot.org/Appello-per-l-apertura-di-un-canale-umanitario-per-il.html?var_confirm=fLFRWBm6#sp1865